Il Calcolo

CRITERI DI CALCOLO
Le opere di sostegno servono a sostenere le pareti degli scavi quando, per ragioni di spazio o di costo dei terreni, non si possono adottare scarpate naturali o a sostenere altre opere, tra cui le infrastrutture di trasporto.
Per la realizzazione di un muro di sostegno si deve in primo luogo effettuare lo scavo, poi si costruisce il muro ed infine si rinterra la parte a monte (rinfianco) compresa tra il muro e il terrapieno o fronte di scavo.
A questo scopo occorre quindi conoscere le seguenti informazioni:
- parametri geotecnici del terreno interessato all’opera
- condizioni di carico e dimensionamento di massima dell’opera
- norme vigenti
- calcolo particolareggiato dell’opera prescelta ed eventuali variazioni in corso d’opera eventualmente necessarie.
Il calcolo di un muro di sostegno viene eseguito prendendo in considerazione le forze agenti un istante prima del collasso per ribaltamento o per scorrimento.

Il sistema di forze che agiscono sui muri di sostegno sono date dalla spinta attiva Pa, dal peso del manufatto W, dalla reazione verticale del terreno N e dalla resistenza allo scorrimento T.
La reazione verticale del terreno N contrasterò il peso del manufatto W a cui va sommata la componente verticale della spinta attiva Pa; la resistenza alla scorrimento T, che si sviluppa alla base del muro, contrasterà invece la componente orizzontale della spinta attiva per evitare che il muro si sposti verso l’esterno.
La spinta attiva inoltre tende a far ribaltare il muro intorno al piede, mentre il peso e la componente verticale della spinta attiva si oppongono a tale ribaltamento.
Il problema richiede di conoscere intensità, direzione e verso di tutte queste grandezze in gioco. Si ricorda che l’entità della pista dipende, oltre che dal tipo di terreno, anche dalle modalità del rinfianco; per la sua determinazione occorre distinguere ammassi privi di coesione da quelli coesivi.
Il problema viene risolto introducendo l’ipotesi dell’esistenza di uno stato limite inferiore rappresentato dal piano di scorrimento lungo il quale le forze di taglio agenti sono eguali alla resistenza a taglio del materiale.

A cuda di: Steria Paolo